Quali sono le reazioni avverse ai vaccini

Scritto il 21/09/2019

I vaccini sono farmaci e come tali sono sottoposti a vari livelli di verifica di sicurezza. L’ultima fase di verifica siamo noi tutti utenti e si chiama “after marketing” cioè “dopo la messa in commercio”.

Affinché questi prodotti siano sicuri è importante che noi tutti segnaliamo agli organi competenti qualsiasi reazione avversa che si manifesti dopo una vaccinazione. 

Quali sono le reazioni da segnalare? Tutte. Dal semplice gonfiore della zona dove è stata fatta l’iniezione, al mutamento di umore di un bambino, irritabilità, mancanza di sonno o apatia, convulsioni o qualsiasi altra.

Ricordiamoci: è un farmaco e come tale può essere migliorato solo dopo migliaia di somministrazioni.

Segnalare una reazione avversa ad un farmaco o ad un vaccino è un diritto, soprattutto perché con estrema probabilità, il vostro medico non lo farà.

Non ci sono  tempistiche giuste o sbagliate: se ritenete di aver avuto una reazione avversa potete segnalarla anche a distanza di tempo.

L’organo competente è  l’Agenzia Italiana del Farmaco che è organo controllato dall’Istituto Superiore di Sanità.

Inserite le segnalazioni qui:

https://www.vigifarmaco.it/report/compiled_reports/new

 

Continuando su questo sito, accetti l'uso dei cookies maggiori informazioni

Se continui a leggere questo sito senza impedire al tuo browser di accettare i cookies o se clicchi su "accetto" vuol dire che sei d'accordo a ricevere i cookies

Chiudi